mercoledì 14 marzo 2012

About Ideas

In Italia le idee sono gratis.
È il paese dei balocchi.
Perché "se non abbassi il prezzo, troverò un altro disposto a farlo a meno".

Questa non è Crisi. Questo è approfittarsi di un mercato di idee, in ribasso.

È approfittarsi dei ragazzi che sono al primo passo nel mondo del lavoro, che hanno le idee più brillanti in quanto ancora vergini sognatori.
E allora 3, 2, 1.. Go! Con i concorsi di progettazione complicati, che richiedono precisione millimetrica, dedizione, abilità e tempo. Tanto tempo. Per una manciata (in quanto valore pari a una "mancia" e non a una "paga") di euri.

Fai l'artista, il designer, lo scrittore, il copy, il grafico, il fotografo.
Disegni, scrivi, progetti, comunichi, crei.

Vuoi fare il professionista, o almeno ci provi, e presenti loghi stampati in maniera eccelsa.
Con degli studi e delle ricerche a priori. Chiedi un prezzo ribassato che speri ti ripagherà almeno per la stampa e la rilegatura delle bozze. Almeno per i tuoi due mesi di lavoro e le notti passate pensando e ripensando a cosa puoi fare. Di nuovo. Di fresco. Di corretto. Di effettivamente speciale.

Perchè ogni Cliente è speciale.
Che sia il panettiere sotto casa, che sia il nuovo Presidente della tua squadra del cuore, che sia il maniscalco del maneggio che ha bisogno di un pezzo di carta con sopra il suo nome.

Certo, le cifre cambiano.

Ma i problemi sono sempre gli stessi.

"Ma per due linee colorate tutti quei soldi?" Embhè, certo. Sono due linee colorate. Nulla più. 
Ti posso prestare i pennarelli se vuoi, così risparmi sull'acquisto del materiale. 
Oppure ti compri la carta. Anzi, potresti usare la carta igienica, che costa meno, è più leggera e così, portandoti via 1000 biglietti da visita, potresti risparmiare anche i soldi del carburante, se sei uno che viaggia molto. 
Insomma, se sono solo due linee colorate, puoi fartele da solo! Così puoi anche decidere, in tempi brevi, l'idea che TI PIACE di più, wow! Un brief "tête-à-tête", il massimo.
Ma no: continui a chiedere ai generatori di idee. Ma non perchè ti fidi/affidi alla loro esperienza e alla loro definizione di "Comunicazione", dove un punto nero su sfondo bianco è diverso da un punto nero su sfondo chiaro. 
Continui a chiedere perché vuoi le cose fatte bene (cioè secondo il tuo gusto) e a poco prezzo. 

Perché deve essere un onore per me lavorare per te.
Deve essere un onore lavorare e basta.

Peccato solo che qualità ed economia non vadano molto d'accordo l'una con l'altra e, quando i giovani creativi cresceranno e saranno stati spremuti di tutte le loro idee a scarso costo, lo capiranno anche loro. E sarà lì che avrai di nuovo problemi di comunicazione.

Quindi, se decidi di affidarti a qualcuno che penserà per te, PAGALO.


Altrimenti vai di pennarelli e carta igienica.


2 commenti:

  1. Nulla di più Vero! Hai ragione Lucio!

    RispondiElimina
  2. Lo sappiamo benissimo noi poveri studenti costretti a fare concorsi per 8 miseri crediti e quindi per vendere a gratis le nostre idee..-.-''

    RispondiElimina